USS Tarawa LHA-1 (1976)

USS Tarawa LHA-1 (1976)

A partire dal 1940, portaerei sempre più grandi sono diventate i padroni degli oceani.

Tecnologia

Etichette

Tarawa, portaerei, corazzata, marina militare, bordo, torre di controllo, localizzatore, radar, pista di decollo, gru, operazione militare, marinaio, attacco, elicottero, Pearl Harbor, aeroplano, Harrier, Cobra, trasporto, tecnica

Extra correlati

Scene

Portaerei

I maestri degli oceani: le portaerei

Le prime portaerei apparvero durante la Prima Guerra Mondiale. Queste navi trasportavano quasi esclusivamente idrovolanti, che venivano calati in acqua da gru. Le portaerei sono il risultato dell'evoluzione di queste navi, e dalla Seconda Guerra Mondiale sono diventate i dominatori degli oceani. Queste portaerei erano in grado di far decollare aerei con carrello a ruote.
Le super-portaerei apparvero nel 1950. Queste enormi portaerei misurano circa 300 m di lunghezza e hanno un dislocamento di circa 90 mila tonnellate.
Le portaerei a propulsione nucleare, sviluppate alla fine del 1950, hanno una gittata praticamente illimitata.
Ci sono diversi tipi di portaerei, raggruppate in classi. Attualmente la più grande flotta di portaerei, comprensiva di 10 vettori classe Nimitz, appartiene alla US Navy. Questi vettori sono di 340 m di lunghezza, larghi 78 metri, con un dislocamento di oltre 100.000 t. Essi sono alimentati da due reattori nucleari e 4 turbine a vapore. La loro velocità massima è di circa 60 km/h (30 nodi).
Oltre ad avere una vasta gamma di armi (cannoni, lanciamissili), sono anche in grado di trasportare quasi 100 elicotteri e aerei da combattimento. Il loro equipaggio è composto da 5.000-6.000 marines e membri dell'equipaggio aereo.
Le portaerei più conosciute sono la USS Nimitz (1975), la USS Enterprise (1960) e la USS Eisenhower (1975).

USS Nimitz

Vista superiore

Forma e struttura

Il design della nave serve a due scopi fondamentali: creare stabilità e offrire una grande piattaforma per il decollo e l'atterraggio degli aeromobili.
La sovrastruttura di un vettore è chiamata torre di controllo o "isola". La parte superiore della torre di controllo è dotata di radar, antenne e altri strumenti di comunicazione e navigazione. Qui di seguito vi sono il centro primario di controllo volo e il ponte, centro di comando della nave.
Il ponte di volo è al livello 0. Di solito è di 200-300 m di lunghezza e 70-80 m di larghezza. Di seguito è riportato il ponte dell'hangar principale (livello -1), in cui sono parcheggiati aerei e altre attrezzature militari.
Il livello inferiore (livello -2) è occupato dal centro direzionale di combattimento. Le sale macchine e i locali di stoccaggio sono sui livelli inferiori. Ci sono diversi ascensori per aerei, armi, merci e equipaggio.
Sono importanti anche la cucina, la sala da pranzo e la zona notte. Gli hangar sono separati da paratie rimovibili (pannelli a parete).
L'armamento della nave è installato sul ponte superiore o incorporato nello scafo. Anche le imbarcazioni di salvataggio sono posizionate sullo scafo.


USS Eisenhower

Ponte

Equipaggio e attrezzature: la vita sulla nave

Le moderne super-portaerei sono generalmente definite "fortezze naviganti" o "città marine". Con 5.000-6.000 membri di equipaggio, questo è certamente un epiteto appropriato.
Il lavoro più importante e più pericoloso su una nave del genere è quello sul ponte di volo. I membri dell'equipaggio che ci lavorano hanno una grande responsabilità: assistono il lancio e l'atterraggio degli aerei, installandovi missili e bombe.
Gli aerei vengono sollevati dagli hangar grazie ad ascensori speciali. La comunicazione è in gran parte fatta attraverso segnali a mano, che costituiscono un linguaggio dei segni unico.
Lavorare sul ponte di volo richiede incredibile precisione e coordinazione, poiché gli aerei atterranno e decollano a un ritmo molto veloce in uno spazio limitato e con qualsiasi condizione atmosferica.
Anche assicurare cibo ad un equipaggio di 3.000-4.000 persone è una sfida. Ogni giorno, nelle cucine, vengono cotte diverse tonnellate di carne e verdura. L'impianto di dissalazione a bordo produce 1 milione di litri di acqua potabile al giorno.

Struttura

  • torre di controllo
  • localizzatore
  • radar di ricerca
  • catapulta
  • pista d'atterraggio
  • gru
  • ponte hangar
  • mitragliatrice antiaerea
  • strumenti di comunicazione
  • scialuppe di salvataggio
  • ponte di volo
  • Aereo da caccia Harrier
  • Elicottero militare Cobra
  • elica

Decollo e atterraggio

Punto critico 1: decollo

Gli aerei vengono lanciati dalle navi con catapulte a vapore.
Una catapulta a vapore è costituita da un binario integrato nel ponte di volo, in basso, che altro non è che un grande pistone collegato a ganci posti sul fondo della fusoliera attraverso una fune metallica (nei modelli più vecchi) o da una barra di rilascio "monouso" in metallo indebolito.
Al momento del lancio la barra di rilascio tiene il velivolo sul posto, mentre la pressione del vapore si accumula e, una volta rotta, il pistone spinge l'aereo lungo il ponte.

Le catapulte vengono solitamente alimentate dal vapore ad alta pressione utilizzato anche per l'alimentazione di turbine a vapore della nave. Alcune catapulte sono alimentate da motori elettrici lineari.
Il decollo a volte è aiutato da una "rampa di lancio" costruita sulla fine della pista (più comunemente per i vettori britannici e russi). L'angolo di elevazione è solitamente tra i 10° e i 20°.
Grazie al lavoro coordinato del personale sul ponte, ogni 12-15 secondi può essere lanciato un aereo.

Aereo in decollo

Punto critico 2: atterraggio

L'atterraggio su una portaerei è una manovra estremamente pericolosa, anche più del decollo. Per rendere questa operazione più sicura sono stati fatti numerosi sforzi.
La velocità di atterraggio degli aerei in arrivo deve essere la più bassa possibile, ma senza superare un limite critico. Tuttavia, questa velocità sarà comunque troppo alta affinché l'aereo si possa arrestare su una pista così corta usando solo il proprio impianto frenante. Pertanto per rallentare gli aerei in modo sicuro sono utilizzati fili d'arresto.
Anche l'orientamento è un problema in fase di atterraggio su una portaerei. Oltre al radar, anche un sistema di atterraggio ottico (invenzione inglese) aiuta in questa manovra di notte e in condizioni atmosferiche difficili.
Anche se l'atterraggio è molto meno difficile per gli elicotteri, l'organizzazione dello sbarco di numerosi elicotteri richiede precisione e il lavoro coordinato da parte dei membri dell'equipaggio.
I ponti di volo sono generalmente progettati per consentire il decollo e l'atterraggio simultaneo di diversi aerei.

Atterraggio aereo

Animazione

  • torre di controllo
  • localizzatore
  • radar di ricerca
  • catapulta
  • pista d'atterraggio
  • gru
  • ponte hangar
  • mitragliatrice antiaerea
  • strumenti di comunicazione
  • scialuppe di salvataggio
  • ponte di volo
  • Aereo da caccia Harrier
  • Elicottero militare Cobra
  • elica

Narrazione

Le prime portaerei apparvero durante la Prima Guerra Mondiale. Queste navi trasportavano quasi esclusivamente idrovolanti, che venivano calati in acqua da gru. Le portaerei sono il risultato dell'evoluzione di queste navi, e dalla Seconda Guerra Mondiale sono diventate i dominatori degli oceani. Queste portaerei erano in grado di far decollare aerei con carrello a ruote. Le moderne super-portaerei sono generalmente definite "fortezze naviganti" o "città marine". Con il loro equipaggio di 5.000-6.000 persone, queste definizioni sono certamente realistiche.

Il design della nave serve a due scopi fondamentali: creare stabilità e offrire una grande piattaforma per il decollo e l'atterraggio degli aeromobili.

La sovrastruttura di un vettore è chiamata torre di controllo o "isola". La parte superiore della torre di controllo è dotata di radar, antenne e altri strumenti di comunicazione e navigazione. Qui di seguito vi sono il centro primario di controllo volo e il ponte, centro di comando della nave.

Il ponte di volo è al livello 0. Di solito è di 200-300 m di lunghezza e 70-80 m di larghezza. Di seguito è riportato il ponte dell'hangar principale (livello -1), in cui sono parcheggiati aerei e altre attrezzature militari.
Il livello inferiore (livello -2) è occupato dal centro direzionale di combattimento. Le sale macchine e i locali di stoccaggio sono sui livelli inferiori. Ci sono diversi ascensori per aerei, armi, merci e equipaggio.
Sono importanti anche la cucina, la sala da pranzo e la zona notte. Gli hangar sono separati da paratie rimovibili (pannelli a parete).

L'armamento della nave è installato sul ponte superiore o incorporato nello scafo. Anche le imbarcazioni di salvataggio sono posizionate sullo scafo.

La USS Tarawa, dal nome di un atollo del Pacifico che è stato il luogo di una battaglia durante la Seconda Guerra Mondiale, è stata commissionata nel 1976 dalla US Navy. Misura 250 m di lunghezza e 32 m di larghezza. La nave opera con un equipaggio di oltre 2.000 persone. La sua impressionante gamma di armi era costituita da 35 elicotteri e 8 aerei da combattimento Harrier. La nave è stata dismessa nel 2009, ma il suo nome è conservato da una classe di navi da assalto anfibio.

Extra correlati

American Marine (inizio del XXI secolo)

Lo United States Marine Corps, anche conosciuto in italiano come Corpo dei Marines, è una delle forze armate degli Stati Uniti.

AH–64 Apache (USA, 1975)

L'elicottero d'attacco che porta il nome di una tribù nativa americana è stato sviluppato per l'esercito degli Stati Uniti.

Corazzata (HMS Dreadnought, 1906)

La corazzata HMS Dreadnought rivoluzionò il modo di costruire le corazzate nel XX secolo.

F-16 Fighting Falcon (USA, 1978)

L'F-16 Fighting Falcon è l'aereo di maggior successo della categoria dei cacciabombardieri multiruolo.

Petroliera

Le petroliere sono apparse nel tardo XIX secolo; oggi sono tra le navi più grandi.

USS Missouri (Stati Uniti, 1944)

La nave da battaglia americana di classe Iowa schierata durante la Seconda Guerra Mondiale è stata utilizzata anche nella Guerra del Golfo.

Vought F4U Corsair (USA, 1944)

Il Vought F4U Corsair dotato di motore radiale fu uno degli aerei militari americani più importanti della Seconda Guerra Mondiale.

Mitsubishi A6M Zero (Giappone, 1940)

Il giapponese Mitsubishi A6M, solitamente chiamato dagli alleati con il nome "Zero", fu un leggendario caccia leggero nella Seconda Guerra Mondiale.

USS Ohio (USA, 1979)

La propulsione nucleare fu impiegata dalla Marina degli Stati Uniti a metà del XX secolo per alimentare sottomarini.

Aeroscafo, mark III SR N4

L'aeroscafo è in grado di spostarsi a grande velocità sulla superficie dell'acqua.

Bireme (antica imbarcazione da guerra a remi)

La bireme è un antico tipo di imbarcazione da guerra, usata da molti eserciti, dotata di un rostro e di due file di remi.

Nave a vapore North River (Clermont) (1807)

La prima nave a vapore operativa fu creata dall'ingegnere americano Robert Fulton.

Nave portacontainer

Le rotte delle navi portacontainer, che si sono diffuse dopo la seconda guerra mondiale, costituiscono una rete internazionale.

Piroscafo Kisfaludy

Il primo battello a vapore in Ungheria partì nel 1846.

Quinquereme (III secolo a.C.)

Questa barca a vela a più file di remi era la nave da guerra tipica dell'epoca ellenistica.

RMS Queen Mary 2 (2003)

Il grande transatlantico al momento della sua costruzione.

Titanic (1912)

All'inizio del XX secolo l'RMS Titanic era la più grande nave passeggeri.

Added to your cart.