Raffineria di petrolio

Raffineria di petrolio

I prodotti derivati dal petrolio, ottenuti tramite raffinazione, sono il gasolio, la benzina ed i lubrificanti.

Geografia

Etichette

raffineria di petrolio, idrocarburo, composti di carbonio, petrolio, deposito di petrolio, formazione del petrolio greggio, dissalazione, vettore energetico, carburante, olio lubrificante, olio combustibile, benzina, paraffina, diesel, asfalto, torre di distillazione, condotta, frazione, distillato, energia, olio, materia prima, fossile, risorsa minerale, minerale, piattaforma petrolifera, campo petrolifero, petroliera, industria, geografia, tecnica

Extra correlati

Scene

Fattori per l'installazione

  • impianto di perforazione marino
  • impianto di perforazione terrestre
  • porto petrolifero
  • serbatoio di petrolio
  • raffineria di petrolio

Le raffinerie di petrolio richiedono una grande quantità di acqua e di materie prime, per questo sono generalmente situate nei pressi di giacimenti di idrocarburi, di centri di distribuzione in condutture e di porti.

Di solito il petrolio greggio viene trasportato per mezzo di oleodotti alle raffinerie, dove viene riscaldato e vaporizzato in una fornace tubolare. Successivamente il petrolio vaporizzato viene convogliato in una torre di frazionamento​ (chiamata anche colonna di distillazione). Il petrolio è una miscela di diverse migliaia di tipi di idrocarburi saturi. Lo scopo del processo di raffinazione del petrolio è quello di separarli in diverse frazioni.

Esistono due tipi di raffinerie: i prodotti del primo tipo sono combustibili per motori e per riscaldamento, mentre quelli del secondo tipo sono lubrificanti.
La raffinazione del petrolio si basa sul fatto che i componenti del greggio hanno differenti punti di ebollizione. Per questo il petrolio greggio può essere separato nelle sue parti costituenti tramite distillazione.

Nella colonna di distillazione il vapore del petrolio sale, iniziando a raffreddarsi. Quando uno dei componenti del petrolio raggiunge il suo punto di ebollizione, si condensa in stato liquido sui piatti situati nella colonna. Questi distillati, chiamati anche frazioni, sono riuniti in collettori di frazioni.
Il gasolio si condensa nella parte inferiore della colonna di distillazione, dove la temperatura è più elevata. Le sostanze con bassi punti di ebollizione, ad esempio la benzina, condensano nella parte superiore della colonna, mentre i componenti gassosi, compresi metano ed etano, vengono rimossi dalla sommità della colonna.

Il residuo della distillazione frazionata è masut, che viene rimosso dal fondo della colonna. Dopo essere stato riscaldato il masut può essere ulteriormente distillato. Questo è il modo in cui vengono prodotti gli oli lubrificanti. Oggi, tuttavia, solo una piccola parte di questi oli sono effettivamente utilizzati come lubrificanti. Il resto è utilizzato per produrre, tramite un processo di rottura chiamato cracking, carburanti ad alto numero di ottani, formati da pochi atomi di carbonio.
Dopo il processo di distillazione il residuo risultante è il bitume, che viene utilizzato per la costruzione delle strade.

Raffineria di petrolio

  • oleodotto
  • fornace
  • torre di frazionamento (oli combustibili)
  • torre di frazionamento (oli lubrificanti)

Sezione

  • fornace
  • torre di frazionamento (oli combustibili)
  • torre di frazionamento (oli lubrificanti)
  • gas 100 °C
  • benzina leggera 105 °C
  • benzina pesante 120 °C
  • cherosene 160 °C
  • gasolio 220 °C
  • masut 275 °C
  • olio lubrificante raffinato 300 °C
  • olio lubrificante semiraffinato 340 °C
  • oli lubrificanti pesanti 370 °C
  • bitume 400 °C

Animazione

  • impianto di perforazione marino
  • impianto di perforazione terrestre
  • porto petrolifero
  • serbatoio di petrolio
  • raffineria di petrolio
  • oleodotto
  • fornace
  • torre di frazionamento (oli combustibili)
  • torre di frazionamento (oli lubrificanti)
  • fornace
  • torre di frazionamento (oli combustibili)
  • torre di frazionamento (oli lubrificanti)
  • gas 100 °C
  • benzina leggera 105 °C
  • benzina pesante 120 °C
  • cherosene 160 °C
  • gasolio 220 °C
  • masut 275 °C
  • olio lubrificante raffinato 300 °C
  • olio lubrificante semiraffinato 340 °C
  • oli lubrificanti pesanti 370 °C
  • bitume 400 °C

Processo

  • gas 100 °C
  • benzina leggera 105 °C
  • benzina pesante 120 °C
  • cherosene 160 °C
  • gasolio 220 °C
  • masut 275 °C
  • olio lubrificante raffinato 300 °C
  • olio lubrificante semiraffinato 340 °C
  • oli lubrificanti pesanti 370 °C
  • bitume 400 °C

Narrazione

Le raffinerie di petrolio richiedono una grande quantità di acqua e di materie prime, per questo sono generalmente situate nei pressi di giacimenti di idrocarburi, di centri di distribuzione in condutture e di porti.

Di solito il petrolio greggio viene trasportato per mezzo di oleodotti alle raffinerie, dove viene riscaldato e vaporizzato in una fornace tubolare. Successivamente il petrolio vaporizzato viene convogliato in una torre di frazionamento​ (chiamata anche colonna di distillazione). Il petrolio è una miscela di diverse migliaia di tipi di idrocarburi saturi. Lo scopo del processo di raffinazione del petrolio è quello di separarli in diverse frazioni.

Esistono due tipi di raffinerie: i prodotti del primo tipo sono combustibili per motori e per riscaldamento, mentre quelli del secondo tipo sono lubrificanti.
La raffinazione del petrolio si basa sul fatto che i componenti del greggio hanno differenti punti di ebollizione. Per questo il petrolio greggio può essere separato nelle sue parti costituenti tramite distillazione.

Nella colonna di distillazione il vapore del petrolio sale, iniziando a raffreddarsi. Quando uno dei componenti del petrolio raggiunge il suo punto di ebollizione, si condensa in stato liquido sui piatti situati nella colonna. Questi distillati, chiamati anche frazioni, sono riuniti in collettori di frazioni.
Il gasolio si condensa nella parte inferiore della colonna di distillazione, dove la temperatura è più elevata. Le sostanze con bassi punti di ebollizione, ad esempio la benzina, condensano nella parte superiore della colonna, mentre i componenti gassosi, compresi metano ed etano, vengono rimossi dalla sommità della colonna.

Il residuo della distillazione frazionata è masut, che viene rimosso dal fondo della colonna. Dopo essere stato riscaldato il masut può essere ulteriormente distillato. Questo è il modo in cui vengono prodotti gli oli lubrificanti. Oggi, tuttavia, solo una piccola parte di questi oli sono effettivamente utilizzati come lubrificanti. Il resto è utilizzato per produrre, tramite un processo di rottura chiamato cracking, carburanti ad alto numero di ottani, formati da pochi atomi di carbonio.
Dopo il processo di distillazione il residuo risultante è il bitume, che viene utilizzato per la costruzione delle strade.

Extra correlati

Funzionamento dei pozzi di petrolio

Impianti utilizzati per pompare il petrolio greggio in superficie.

Estrazione di gas naturale offshore, Norvegia

La Troll A è una piattaforma per l'estrazione di gas naturale; attualmente è la più grande piattaforma offshore che sia mai stata realizzata. Si trova a...

Gas di scisto

L'animazione illustra la tecnologia di estrazione del gas di scisto.

Motore a ciclo Otto a quattro tempi

Questa animazione illustra il tipo di motore più comunemente utilizzato nelle automobili.

Motore Diesel

Il motore Diesel fu brevettato dall'ingegnere tedesco Rudolf Diesel nel 1893.

Petroliera

Le petroliere sono apparse nel tardo XIX secolo; oggi sono tra le navi più grandi.

Piattaforma petrolifera

Il tubo che si trova nella torre metallica penetra nel fondale marino per raggiungere lo strato contenente petrolio.

Reti di trasporto

L'animazione mostra i percorsi e nodi stradali, ferroviari, marittimi, aerei.

Flora e fauna nel Carbonifero

Questa animazione presenta piante e animali vissuti tra il Devoniano e il Permiano, ovvero 358-299 milioni di anni fa.

Siderurgia (livello elementare)

La ghisa viene prodotta da minerali di ferro nella fonderia.

Siderurgia (livello intermedio)

La ghisa viene prodotta da minerali di ferro nella fonderia.

Produzione di alluminio

Nelle fonderie l'alluminio viene estratto dall'allumina attraverso un processo elettrolitico.

Added to your cart.