Grandi migrazioni della storia

Grandi migrazioni della storia

Nella storia dell'umanità ci sono stati grandi migrazioni dalla preistoria ai giorni nostri.

Storia

Etichette

società, geografia umana, popolazione, tasso di crescita della popolazione, migrazione, immigrazione, kivándorlás, emigrazione, modern age, antichità, epoca preistorica, Medioevo, storia moderna, umanità, insediamento, diffusione, scoperta, navigazione, Római Birodalom, colonizzazione, gyarmatok, schiavo, schiavitù, tratta di persone, commercio, colonia, Seconda guerra mondiale, Scambio di popolazione, Terra, globo terrestre, paese, Paesi, confini dei Paesi, Israele, Palestina, Europa, India, Pakistan, Stati Uniti d'America, Africa, Asia, Atlanti-óceán, Homo sapiens, afro americani, migrante, storia

Extra correlati

Scene

Espansione dell'Homo sapiens

  • Africa
  • Europa
  • Asia
  • Australia
  • Nord America
  • America centrale
  • Sud America
  • Atlantica
  • Oceano Pacifico
  • Oceano Indiano
  • Antartide
  • "la culla dell'umanità" - Si ritiene che la culla dell'umanità sia stata l'Africa orientale. Questa è l'area da cui i nostri antenati si diffusero nel mondo.
  • 130-60 mila anni fa
  • 60-40 mila anni fa
  • 40-20 mila anni fa
  • 20-13 mila anni fa

Gli esseri umani moderni sono membri della specie Homo sapiens. L'"uomo sapiente" si è evoluto in Africa orientale, ha poi iniziato a diffondersi in tutto il mondo circa 130.000 anni fa. Inizialmente gli umani popolarono l'Asia e l'Australia, poi l'Europa ed il Pacifico, infine le Americhe, circa 20.000-13.000 anni fa.

Periodo delle grandi migrazioni (IV-V s.)

  • Africa
  • Europa
  • Asia
  • Atlantica
  • Mar Mediterraneo
  • 256–260
  • 253–269
  • 259–261
  • 268–282
  • 275
  • 375
  • 390
  • 397
  • 400
  • 415
  • 429
  • 450
  • 455
  • 488

Secondo la teoria più ampiamente accettata la migrazione di grandi popolazioni umane, iniziata nel IV secolo, potrebbe essere stata scatenata dalla sovrappopolazione o dai cambiamenti climatici. Molti ricercatori considerano l'avanzata degli Unni come la principale forza trainante dell'effetto domino.
La complessa serie di eventi che coinvolse molti popoli portò al collasso dell'Impero Romano d'Occidente e alla creazione di regni barbarici.

Grandi scoperte geografiche e colonizzazione (XV-XVIII s.)

  • Africa
  • Europa
  • Asia
  • Australia
  • Nord America
  • America centrale
  • Sud America
  • Atlantica
  • Oceano Pacifico
  • Oceano Indiano
  • 1487–1488 - Bartolomeo Dias (portoghese)
  • 1492–1493 - Cristoforo Colombo (italiano)
  • 1497–1498 - Vasco da Gama (portoghese)
  • 1501–1502 - Amerigo Vespucci (italiano)
  • 1519–1522 - Ferdinando Magellano (portoghese)
  • 1534 - Jacques Cartier (francese)
  • 1578–1580 - Francis Drake (inglese)
  • 1596–1597 - Willem Barents (olandese)
  • 1610–1611 - Henry Hudson (inglese)
  • 1642–1643 - Abel Janszoon Tasman (olandese)
  • 1644 - Abel Janszoon Tasman (olandese)

Numerosi fattori sono alla base della serie di eventi, chiamati grandi scoperte geografiche. Questi includono la carenza di terra arabile e di cibo a causa della sovrappopolazione, la corsa all'oro, la ricerca di scambi a lunga distanza nella speranza di ottenere grandi profitti, le conquiste e la natura umana curiosa e avventurosa.
I portoghesi e gli spagnoli furono responsabili della prima ondata di scoperte, mentre la seconda ondata fu dominata da inglesi, francesi e olandesi. Le aree conquistate divennero colonie, politicamente ed economicamente dipendenti dalle madri patrie.

Commercio degli schiavi (Africa, XVI-XIX s.)

  • Africa
  • Europa
  • Asia
  • Australia
  • Nord America
  • America centrale
  • Sud America
  • Atlantica
  • ~ 12,5 milioni di persone

La tratta degli schiavi dall'Africa verso, principalmente, le Americhe viene chiamata anche "olocausto africano" o "olocausto nero". Nella storia, è stata la più grande migrazione forzata di persone sulla più lunga distanza.
I mercanti di schiavi trasportarono circa 15 milioni di africani in altri continenti, principalmente nelle piantagioni e nelle miniere americane. Durante i violenti rastrellamenti morì almeno il doppio delle persone rispetto al numero di quelle deportate.

Imperi coloniali (inizio XX s.)

  • Africa
  • Europa
  • Asia
  • Australia
  • Nord America
  • America centrale
  • Sud America
  • Atlantica
  • Oceano Pacifico
  • Oceano Indiano

Una delle conseguenze delle grandi scoperte geografiche fu la creazione di colonie. La maggior parte delle colonie americane ottenne l'indipendenza dalle rispettive madri patrie europee nella prima metà del XIX secolo.
Tuttavia, anche all'inizio del XX secolo, la mappa coloniale del mondo era molto variegata. Il periodo che va dal 1870 circa fino allo scoppio della "Grande Guerra", vale a dire quasi mezzo secolo, è chiamato era dell'imperialismo.
A questo punto della storia, una nuova corsa iniziò tra le grandi potenze per la ridistribuzione del mondo. La lotta per le colonie colpì soprattutto il continente africano.

La "Grande Migrazione Atlantica" (XIX-XX s.) e la "Grande Migrazione" (1910-1970)

  • Africa
  • Europa
  • Asia
  • Nord America
  • America centrale
  • Sud America
  • Atlantica

Enormi masse di persone attraversarono l'Atlantico verso l'America tra la seconda metà del XIX secolo e l'inizio del XX secolo. Circa 40-45 milioni di persone sono emigrate per motivi economici e politici. La maggior parte di loro sperava in una vita migliore per se stessi e le loro famiglie nella "terra promessa". Sebbene questo fenomeno abbia interessato tutti i Paesi europei, un terzo dei migranti proveniva dal Regno Unito. La destinazione principale erano gli Stati Uniti, dove circa 33 milioni di immigrati si stabilirono tra il 1820 e il 1924.

Uno dei principali destinatari del commercio degli schiavi africani iniziato nel XVI secolo erano le colonie britanniche del Nord America.
Tuttavia la maggior parte dei discendenti liberi degli schiavi che erano stati trasportati in America viveva negli Stati meridionali degli Stati Uniti.
All'inizio del XX secolo una parte della popolazione afroamericana si trasferì nelle grandi città della costa occidentale, della costa orientale e della regione dei Grandi Laghi, nella speranza di una vita migliore.

Migrazioni dopo la Seconda Guerra Mondiale

  • RFT
  • RDT
  • Austria
  • Polonia
  • Cecoslovacchia
  • Finlandia
  • Svezia
  • Unione Sovietica
  • Ungheria
  • Jugoslavia
  • Italia
  • Bulgaria
  • Turchia

La Seconda Guerra Mondiale ha avuto una serie di significative conseguenze. Una di queste è la migrazione di popolazioni in diversi luoghi sulla Terra.

La ragione più importante della migrazione europea è stata la nuova mappa del continente. La migrazione su più vasta scala è avvenuta tra le comunità tedesche. Questo a seguito di una serie di eventi, riguardanti circa 12 milioni di persone, basati sulla decisione delle potenze antifasciste vittoriose che tutti i tedeschi residenti nei Paesi europei dovevano essere rimpatriati in Germania, ormai sotto il controllo alleato.

L'India, il gioiello nella corona dell'Impero Britannico, ottenne l'indipendenza dalla Gran Bretagna nel 1947. Tuttavia, la gioia degli indiani per aver conquistato l'indipendenza fu presto offuscata dall'emersione di preesistenti conflitti religiosi tra la popolazione indù e quella musulmana. I conflitti hanno portarono alla guerra ed alla migrazione di milioni di persone tra India e Pakistan.

L'odierno Israele è stato fondato nel 1948. Dalla ricostruzione dello storico stato ebraico, la regione è stata caratterizzata da continui conflitti politici e religiosi. In diverse occasioni si sono verificate migrazioni su vasta scala tra Israele e i Paesi arabi circostanti. Quando gli ebrei immigrarono in Israele, la popolazione palestinese fu costretta a fuggire nei vicini Paesi arabi. Nel 2010 sono stati registrati circa 5 milioni di rifugiati palestinesi, mentre quasi 3 milioni di ebrei si sono trasferiti in Israele tra il 1948 e il 2010.

L'attuale crisi migratoria in Europa

  • Africa
  • Europa
  • Asia
  • Mar Mediterraneo

La crisi europea dei rifugiati è uno dei maggiori problemi umanitari di oggi.
Masse di persone fuggono da persecuzioni politiche e religiose, conflitti armati e condizioni economiche insopportabili, cercando di raggiungere il territorio dell'Unione europea. I rifugiati provengono principalmente dal Medio Oriente, dall'Africa settentrionale e orientale e dall'Asia centrale. Per raggiungere la loro destinazione, viaggiano attraverso il Mediterraneo e attraverso i Balcani.

Extra correlati

Colonizzazione e decolonizzazione

I colori delle colonie furono cancellati dalla carta geografica dai popoli che lottavano per riconquistare l'indipendenza.

Colonizzazione europea delle Americhe fino a 1763

Molti paesi europei parteciparono alla conquista del Mondo Nuovo, rendendo America un continente colorito.

La diffusione dell'Homo sapiens sulla Terra

L'Homo sapiens proveniva dall'Africa, diffondendosi poi su molti dei continenti.

Rifugiati e migranti

L'animazione mostra la crisi migratoria e dei rifugiati di oggi da diversi punti di vista.

Scoperte geografiche (XV–XVII secolo)

Scoperte geografiche leggendarie non solo ridisegnarono le mappe, ma ebbero anche un'importanza veramente fondamentale.

Imperi moderni

Nel corso della storia sorsero e caddero numerosi imperi leggendari.

Leggendari imperi antichi

Nel corso della storia sorsero e soccombettero numerosi imperi leggendari.

Alleanze e unioni politiche ed economiche

Diverse alleanze politiche ed economiche si sono formate tra i Paesi del mondo nel corso degli ultimi anni.

Bisonte americano

Il bisonte americano è il più grande mammifero terrestre del Nord America.

Forme di governo e lingue ufficiali

L'animazione presenta le forme di governo e le lingue ufficiali dei Paesi del mondo.

I Paesi dell'Europa

Impariamo la posizione geografica, le capitali e le bandiere dei Paesi dell'Europa con un esercizio con tre diversi livelli di difficoltà.

Jamestown (XVII secolo)

La città fondata il maggio 1607 era il primo insediamento inglese permanente sulla costa orientale dell'America del Nord.

La battaglia dei Campi Catalaunici (451)

L'esercito romano, guidato da Flavio Ezio, fermò l'invasione degli Unni guidati dal re Attila.

Piantagione del Sud con schiavi (Stati Uniti, XIX secolo)

Prima della Guerra di Secessione, l'economia degli stati meridionali degli Stati Uniti era basata sulla grande piantagione e sull'impiego di manodopera schiava.

Province e città dell'antica Roma

L'animazione presenta la storia dell'antica Roma attraverso i secoli.

Barche a vela

Le prime barche a vela costruite in Olanda nel XVI e XVII secolo venivano utilizzate principalmente come navi mercantili.

Catamarano polinesiano

I polinesiani attraversarono enormi distanze con le loro barche particolari.

Conquistador (XVI secolo)

I conquistadores spagnoli dovevano il loro successo alla loro armature e alle armi da fuoco.

Guerriero germanico (IV secolo)

I guerrieri germanici temuti delle tribù germaniche partite dall’Europa Settentrionale minacciarono anche l’Impero Romano.

Santa Maria (XV secolo)

La caracca "Santa Maria" fu la nave ammiraglia di Cristoforo Colombo, con la quale fece il suo primo viaggio alla scoperta delle Americhe.

Statua della Libertà (Nuova York)

La statua fu donata dai francesi agli Stati Uniti D'America per il centesimo anniversario dell'indipendenza.

Continenti e oceani

La terraferma presente nel pianeta Terra è suddivisa in continenti separati tra loro dagli oceani.

Added to your cart.