Come funziona? – Microscopio elettronico

Come funziona? – Microscopio elettronico

L'animazione presenta la struttura e il funzionamento dei microscopi elettronici.

Tecnologia

Etichette

microscopio elettronico, microscopio, nanometri, capacità di ingrandimento, cannone elettronico, elettromagnetico, elettrone, detektor, modello, Risoluzione, lunghezza d'onda, preparato, sezione, campo magnetico, virus, batterio, ingrandimento, invenzione, invenzioni, tecnica, biologia

Extra correlati

Domande

Scene

Microscopio elettronico

Un microscopio è uno strumento utilizzato per visualizzare oggetti che sono troppo piccoli per l'occhio nudo. La capacità di ingrandimento di un microscopio è limitata dalla sua risoluzione. Il potere di risoluzione del microscopio ottico è di circa 0,2 μm. Ciò significa che è impossibile distinguere due punti vicini tra di loro più di 0,2 μm. Con la diminuzione della lunghezza d'onda la risoluzione aumenta. La lunghezza d'onda della luce visibile è compresa tra 0,4 e 0,8 nanometri.

I microscopi elettronici usano fasci di elettroni di lunghezza d'onda molto minore di quella della luce visibile, permettendo di ottenere immagini con una risoluzione pari a 0,2 nm, cioè mille volte maggiore. Questa distanza non è molto superiore al diametro di un atomo di idrogeno, così i microscopi elettronici possono anche essere utilizzati per visualizzare le molecole più piccole. Il primo microscopio elettronico è stato costruito da Ernst Ruska e Max Knoll nel 1931.

Microscopio elettronico a scansione

Il microscopio elettronico a scansione crea immagini 3D della superficie del campione. Il fascio elettronico esplora la superficie del campione grazie alla bobina di deflessione.

Gli elettroni che raggiungono la superficie possono essere riflessi o causare l'emissione di elettroni secondari. La quantità di essi dipende dall'angolo di incidenza del fascio di elettroni. Il rilevatore misura la quantità di elettroni riflessi e di elettroni secondari. L'immagine viene creata da questi dati grazie ad un computer.

Microscopio elettronico a trasmissione

In un microscopio elettronico un cannone di elettroni emette un fascio di elettroni che viene concentrato da lenti elettromagnetiche sull'oggetto da osservare. In un microscopio elettronico a trasmissione il fascio passa attraverso il campione sottile e crea un'immagine utilizzando lenti elettromagnetiche. Il campione viene colorato da sali di metalli pesanti: le diverse parti del campione legano gli ioni dei metalli pesanti in misura diversa. Gli ioni dei metalli pesanti disperdono i fasci di elettroni creando aree scure sull'immagine.

Narrazione

Immagini

Extra correlati

Come funziona? - Proiettore cinematografico

L'animazione presenta la struttura e il funzionamento di un proiettore cinematografico...

Come funziona? - Torre dell’acqua

L'animazione presenta la struttura e il funzionamento delle torri dell'acqua.

Come funziona? - Stampante laser

L'animazione presenta la struttura e il funzionamento delle stampanti laser.

Come funziona? - Rete informatica

La rete mondiale chiamata Internet ci permette l'invio veloce dei dati a grandi distanze.

Come funziona? - Turbina a vapore ad azione

L'animazione presenta la struttura e il funzionamento della turbina a vapore ad azione.

Invenzioni nel settore tessile nel XVIII secolo

Grazie alle invenzioni del XVIII secolo avvennero grandi progressi nel settore tessile.

I vetri di Murano

Questa città, situata su sette isole, è nota in tutto il mondo per i manufatti in vetro. La...

Strumenti ottici

Vari strumenti ottici possono essere utilizzati, dai microscopi a telescopi.

Added to your cart.