Ciclo vitale dei vertebrati

Ciclo vitale dei vertebrati

Il ciclo di vita dei vertebrati inizia con la produzione dei gameti di un individuo e termina con la produzione dei gameti della generazione successiva.

Biologia

Etichette

vertebrati, ciclo di vita, sviluppo, ontogenesi, rettile, anfibio, uccello, mammifero, pesci, carpa comune, canguro, biscia dal collare, merlo, cervo nobile, gallina, rana comune, nidicolo, placentare, immagine, marsupiale, nidifugo, uovo, embrione, girino, branchia, polmoni, fecondazione, accoppiamento, uovo con guscio molle, uovo di uccello, mammella, latte materno, placenta, feto, incubazione, nido, morula, avanotto, animale, colonna vertebrale, biologia

Extra correlati

Scene

Animali adulti

  • Pesci
  • Anfibi
  • Rettili
  • Uccelli nidifughi
  • Uccelli nidicoli
  • Marsupiali
  • Mammiferi placentati

Pesci

  • uova - Uova non fecondate che la femmina depone nell'acqua. Sono appiccicose, in modo da aderire alle piante acquatiche.
  • avanotto - Si sviluppa dall'uovo fecondato. Inizialmente consuma le sostanze nutritive del sacco vitellino che si trova sotto il ventre.
  • carpa giovane - Animale giovane capace di nutrirsi da solo.
  • carpa adulta - Una carpa femmina sviluppata è in grado di generare 150-200 mila uova per ogni chilo di peso corporeo. Durante il periodo riproduttivo sia il maschio che la femmina rilasciano i loro gameti in acqua.

I pesci sono animali gonocorici, cioè presentano sessi separati. Tuttavia, in genere c'è solo una piccola differenza tra gli esemplari maschili e quelli femminili.

Il processo riproduttivo che avviene tramite la deposizione dei gameti dipende dalla temperatura dell'acqua. Sia il maschio che la femmina rilasciano le loro cellule riproduttive in acqua. Il pesce maschio utilizza la fecondazione esterna per fecondare le uova deposte dalla femmina.

La maggior parte dei pesci ha un ciclo di vita semplice, cioè non sono soggetti a metamorfosi. I giovani assomigliano agli adulti, sono però più piccoli e più deboli.

Anfibi

  • uovo
  • embrione in sviluppo
  • girino neonato
  • girino
  • sviluppo delle zampe posteriori
  • sviluppo delle zampe anteriori
  • scomparsa della coda
  • rana adulta

Gli anfibi si riproducono prevalentemente attraverso la fecondazione esterna dopo rituali di corteggiamento spettacolari. Le larve che fuoriescono dalle uova fecondate sono chiamate girini. Il passaggio dallo stadio larvale a quello adulto richiede una trasformazione complessa, chiamata metamorfisi. I girini, che sono simili a piccoli pesci, respirano attraverso le branchie. Man mano che crescono, sviluppano gradualmente le zampe, mentre scompaiono le branchie e la coda.

Rettili

  • uovo
  • schiusa
  • biscia giovane
  • biscia serpente

I rettili si riproducono attraverso la fecondazione interna; ovvero, durante l'accoppiamento, il maschio scarica i suoi gameti all'interno del corpo della femmina. L'uovo fecondato è presto circondato da un tuorlo (chiamato anche sacco vitellino) ricco di sostanze nutritive, e da un guscio morbido.
La maggior parte dei rettili depone le uova nel terreno e la temperatura di incubazione ideale per le uova è fornita dalla radiazione solare. I rettili hanno un ciclo di vita semplice, cioè, non sono soggetti a metamorfosi. Il loro sviluppo non dipende dalla presenza di acqua.

Uccelli nidifughi

  • uovo - È di colore chiaro e pesa 50-60 grammi.
  • pulcino - Schiude dall'uovo dopo circa 21 giorni dall'inizio dell'incubazione, coperto di piumino.
  • gallo e gallina - Il mascio è chiamato gallo, la femmina è chiamata gallina. Il gallo è più grande della gallina e ha una cresta rossa sulla testa, il suo piumaggio è caratterizzato da colori vivaci. Il piumaggio della gallina è meno vivace, spesso marrone. Sulla testa ha una cresta più piccola. Nel corpo della gallina maturano continuamente le cellule-uova, che si trasformano in uova anche senza essere fecondate dal gallo. I pulcini nascono solo dalle uova fecondate.

Gli uccelli sono animali gonocorici, cioè presentano sessi separati. Abitualmente vi è dimorfismo sessuale: le femmine hanno un colore più spento, mentre i maschi in genere hanno un piumaggio dai toni accesi.
L'accoppiamento avviene dopo il rituale di corteggiamento. Gli uccelli si riproducono attraverso la fecondazione interna: il maschio scarica i suoi gameti all'interno del corpo della femmina attraverso la cloaca. L'uovo fecondato è presto circondato da un tuorlo (chiamato anche sacco vitellino) ricco di sostanze nutritive, e da un guscio calcificato. La temperatura di incubazione ideale per le uova è fornita dal calore corporeo del genitore che le cova. Gli uccelli hanno un ciclo di vita semplice, vale a dire, non sono soggetti a metamorfosi.

La prole degli uccelli nidifughi è sufficientemente sviluppata da poter seguire i propri genitori subito dopo la schiusa.

Uccelli nidicoli

  • uova - Hanno un colore azzurrino picchiettate di marrone-rosso. Pesano 6-7 grammi.
  • pulcino - Vengono alimentati con bruchi, insetti e lombrichi portati loro dai genitori.
  • merlo giovane - Inizia ad alimentarsi da solo due o tre settimane dopo aver abbandonato il nido. Fino ad allora viene nutrito dai genitori.
  • maschio e femmina - Il maschio presenta un piumaggio nero e un becco arancione, mentre la femmina è di colore marrone con un becco grigio. I maschi hanno un ruolo più importante nell'alimentazione dei pulcini. La coppia può fare tre covate all'anno.

Gli uccelli sono animali gonocorici, cioè presentano sessi separati. Abitualmente vi è dimorfismo sessuale: le femmine hanno un colore più spento, mentre i maschi in genere hanno un piumaggio dai toni più accesi.

L'accoppiamento avviene dopo il rituale di corteggiamento. Gli uccelli si riproducono attraverso la fecondazione interna: il maschio scarica i suoi gameti all’interno del corpo della femmina attraverso la cloaca. L'uovo fecondato è presto circondato da un tuorlo (chiamato anche sacco vitellino), ricco di sostanze nutritive, e da un guscio calcificato. La temperatura di incubazione ideale per le uova è fornita dal calore corporeo del genitore che le cova. Gli uccelli hanno un ciclo di vita semplice, vale a dire, non sono soggetti a metamorfosi.

Quando la prole degli uccelli nidicoli si schiude, non è ancora abbastanza sviluppata: non è in grado di alimentarsi da sola per un lungo periodo di tempo.

Marsupiali

  • morula - Si sviluppa all'interno dell'utero per 32-36 giorni.
  • canguro neonato - Partorito immaturo, il neonato simile ad un embrione pesa solo pochi grammi. Subito dopo la nascita si infila da solo nel marsupio della madre.
  • cucciolo di canguro
  • canguro giovane - Cresce per diversi mesi nel marsupio, che lascia sempre più spesso. Solo all'età di 10 mesi lascia definitivamente il marsupio.
  • maschio adulto e femmina adulta - Il maschio è più grande della femmina. Le femmine raggiungono la maturità sessuale a circa un anno e mezzo di età.

I mammiferi derivano il loro nome dalle ghiandole mammarie, che sono ghiandole sudoripare modificate. I giovani sono alimentati dal latte prodotto dalle ghiandole mammarie della madre.

La prole dei marsupiali si sviluppa nell'utero della madre solo per un breve periodo di tempo; è poco sviluppata alla nascita. Passa la prima fase della vita nel marsupio, una tasca posta sul ventre materno.

Mammiferi placentati

  • morula - Si sviluppa all'interno dell'utero per 8 mesi.
  • feto - Si sviluppa all'interno dell'utero per 8 mesi.
  • vitello - L'animale neonato pesa 7-15 kg ed è in grado di alzarsi in piedi quasi subito dopo la nascita.
  • maschio e femmina - Il maschio si chiama cervo, la femmina cerva. I maschi sono dotati di palchi di corna, le femmine non ne hanno.

I mammiferi derivano il loro nome dalle ghiandole mammarie, che sono ghiandole sudoripare modificate. I giovani sono alimentati dal latte prodotto dalle ghiandole mammarie della madre.

La prole dei mammiferi placentati trascorre un lungo periodo di tempo nell'utero della madre e nasce relativamente sviluppata. I mammiferi placentati derivano il loro nome dalla placenta, che fornisce i nutrienti per il feto.

Extra correlati

Axolotl

Un anfibio che mantiene le branchie anche da adulto.

Bestiame

Nei negozi possiamo comprare i tagli di pollame, di carne suina e bovina.

Biscia dal collare

Specie di serpente con una chiazza caratteristica sul collo.

Carpa comune

Pesci d'acqua dolce che sono apprezzati come alimento in molte parti del mondo.

Cervo rosso

I cervi rossi sono artiodattili ungulati, ruminanti. I maschi hanno palchi spettacolari.

Dentatura dei mammiferi

La dentatura di diverse specie di mammiferi riflettono le loro abitudini alimentari.

Elefante africano

L'elefante africano è il più grande animale terrestre.

Falco di palude

Il falco di palude è un uccello rapace diffuso quasi in tutto il mondo.

L'anatomia del midollo spinale

Il midollo spinale è la parte del sistema nervoso centrale che si trova all'interno della colonna vertebrale, da cui si diramano i nervi spinali.

L’evoluzione del cervello dei vertebrati

Nel corso dell'evoluzione dei vertebrati lo sviluppo relativo delle aree cerebrali è cambiato.

La diversità degli organi visivi

Durante l'evoluzione si sono sviluppati diversi tipi di occhi, indipendentemente l'uno dall'altro.

Merlo comune

Questa animazione presenta le caratteristiche delle ossa e delle uova degli uccelli attraverso l'esempio del merlo comune.

Rana comune

L'animazione presenta l'anatomia degli anfibi attraverso l'esempio di una specie comune di rane.

Respirazione dei pesci

Le branchie dei pesci sono ricche di vasi sanguigni capaci di assorbire ossigeno e rilasciare anidride carbonica.

Taccola eurasiatica

Gruppi di taccole sono frequentemente riscontrabili nelle città. Konrad Lorenz analizzò il complesso comportamento sociale di questi animali.

Viaggio leggendario di Charles Darwin

Il leggendario viaggio di Darwin a bordo di HMS Beagle svolse un ruolo importante nello sviluppo della teoria dell'evoluzione.

Vipera berus (marasso)

Un serpente velenoso molto comune in Europa, il suo morso risulta essere fatale solo in rari casi.

Added to your cart.