Ara Pacis Augustae (I secolo a.C.)

Ara Pacis Augustae (I secolo a.C.)

Questo enorme altare costruito durante il regime di Augusto era una delle opere più significative dell'arte romana antica.

Storia

Etichette

Ara Pacis Augustae, augusteo, Augustus, Altare della pace augustea, Pax, altare, trattato di pace, Roma, Római Birodalom, Campo Marzio, edificio, struttura, architettura, religione, altorilievo, marmo, fregio, Hispania, Gallia, senato, processione, mitologia, dèi, arte, antichità, storia

Extra correlati

Scene

L'altare

  • fregio della processione (lato nord) - Questo fregio della processione consiste di 46 figure rappresentanti littori, preti, senatori, membri della famiglia imperiale, tra cui Lucio Cesare (nipote di Augusto), Giulia maggiore (l'unica figlia di Augusto), Ottavia minore (sorella di Augusto) e Giulio Antonio (figliastro di Ottavia minore).
  • ornamento intagliato - Il fregio raffigurante un rotolo d'acanto sulla parte esterna della parete presenta foglie d'acanto, fiori e uccelli, tra cui il cigno di Apollo, una delle immagini preferite da Augusto. La loro simmetria simboleggia l'armonia della natura.
  • fascia a meandro
  • Lupercale - Questo pannello raffigura la scena in cui Faustolo, il pastore, scopre Romolo e Remo, allattati dalla lupa. Nel frattempo Marte, il dio della guerra, li sorveglia. Il nome del pannello deriva dalla grotta della lupa (Lupercale).
  • ingreso principale
  • Sacrificio di Enea ai Penati - Una teoria suggerisce che la figura centrale in questo pannello è l'eroe troiano Enea, che fa offerte ai Penati (spiriti protettori della casa). Questa teoria può essere giustificata dall'Eneide di Virgilio, in cui si afferma che Enea abbia sacrificato una scrofa e trenta porcellini al suo arrivo in Italia. Tuttavia, c'è un'altra teoria secondo la quale la figura centrale di questo pannello è Numa Pompilio, il pacifico secondo re di Roma. Questa teoria può essere giustificata dal fatto che vi è un edificio sullo sfondo molto simile a quello del tempio di Giano, con le sue porte chiuse.
  • Augusto - Fu il primo imperatore romano. Regnò dal 27 a.C. al 14 d.C. e pose le basi della Pax Romana (o pace romana).
  • monumento - Consiste di due parti, il vero e proprio altare posto su un podio a gradini e la parete. I lati del monumento rettangolare alto 4,6 m, misurano 11,62 e 10,62 m.
  • fregio della processione (lato sud) - Questo fregio della processione raffigura preti e altri custodi così come Augusto, Marco Vespasiano Agrippa (genero di Augusto), Livia Drusilla (moglie di Augusto), Tiberio (figlio adottivo di Augusto), Antonia la giovane (nipote più giovane di Augusto), Druso maggiore (figliastro di Augusto), Antonia la vecchio (nipote più anziana di Augusto) e Gneo Domizio Calvino (generale di Augusto).
  • Saturnia tellus - Circondata da un'atmosfera della fertilità e di prosperità, la figura centrale seduta raffigura una dea, forse la dea della Terra, Tellus Mater (o Madre Terra). Alla sua destra vi è una figura, seduta su un cigno in volo, che rappresenta i venti di terra, mentre alla sua sinistra vi è una figura seduta su un serpente di mare che rappresenta i venti marini. Ciò implica che queste tre figure possono essere un'allegoria della terra, dell'acqua e dell'aria. Altre teorie sostengono che la figura centrale può rappresentare Italia, Venere (dea dell'amore) o Pax (dea della pace). Quest'ultima teoria sulla Pax può essere giustificata dalla scopo della costruzione dell'altare.
  • Personificazione di Roma - Questo pannello raffigura una donna guerriera seduta su un mucchio di armi nemiche, portando così la pace. È opinione diffusa che la figura femminile sia la dea Roma, la personificazione della città di Roma, così come dell'impero.
  • ingresso

Ara Pacis augustea

L'altare è stato chiamato come la pace augustea istituita da Augusto, il primo imperatore romano.
Fu commissionato dal Senato nel 13 a.C. e la costruzione fu completata nel 9 a.C. Il monumento celebra il ritorno di Augusto dalle sue campagne militari in Spagna e Gallia.
L'altare, dedicato alla dea della pace, Pax, si trovava nel Campo Marzio, non lontano dalla via Flaminia.

L'altare, fatto in marmo di Carrara, poggia su un podio circondato da un muro. Ci sono preziosi rilievi scolpiti sulla superficie interna ed esterna della parete. Sulla parte esterna della parete nord e del muro sud, dove non ci sono entrate, fregi processionali raffigurano preti, senatori e funzionari, nonché Augusto e gli altri membri della famiglia imperiale. Scene mitologiche decorano la parete che fiancheggia le porte.
I quattro pannelli principali presentano raffigurazioni di importanti figure legate alla città di Roma. Le parti inferiori della parte esterna del muro sono decorate con piante di acanto intagliate, la cui simmetria simboleggia l'armonia della natura. L'interno della parete è decorato con bucrani (teschi di bue) scolpiti, simboleggianti offerte sacrificali, e ghirlande intrecciate con frutta.

Dopo la caduta dell'Impero Romano, i sedimenti dal fiume Tevere hanno sepolto questo monumento, scolpito dagli artisti di maggior talento del periodo augusteo. I frammenti dell'altare sono stati trovati solo nel XVI secolo durante la costruzione di un palazzo.
I rilievi dell'altare sono andati in pezzi e sono finiti in molti luoghi diversi. Durante il periodo moderno, sono stati trovati sempre più pezzi. Infine, nel 1938 tutti i frammenti sono stati rinvenuti in scavi archeologici o in collezioni da varie parti del mondo e l'altare è stato ricostruito.
Oggi, l'Ara Pacis si trova non nella sua posizione originale, ma nel Museo dell'Ara Pacis, nei pressi del Mausoleo di Augusto.

L'interno dell'altare

  • sponda laterale - Questa lastra di coronamento in stile arcaico è decorata con leoni alati (o grifoni) e volute (rotoli), che mostrano un influsso ellenistico.
  • parete decorata - All'interno, la parte superiore della parete è decorata con ghirlande scolpite intrecciati con frutta, e teschi di buoi che simboleggiano offerte sacrificali. Vi erano ciotole sacrificali (ciotole da libagione, o patere) sopra le ghirlande. La parte inferiore della parete simboleggia una staccionata in legno che circonda un tradizionale altare sacrificale romano.
  • vergini vestali - Erano le sacerdotesse di Vesta che custodivano il fuoco sacro. Vivevano nel tempio di Vesta, nel Foro Romano. Vesta era la dea del focolare, della casa e della famiglia; il suo omologo greco è Estia.
  • bucranio
  • colonna corinzia
  • ghirlanda

Vista dall'alto

  • podio a gradini
  • altare
  • muro - L'altare a cielo aperto è circondato da un muro. Ci sono due porte sul fronte orientale e occidentale del muro attraverso le quali si può accedere all'altare.

Animazione

  • ornamento intagliato - Il fregio raffigurante un rotolo d'acanto sulla parte esterna della parete presenta foglie d'acanto, fiori e uccelli, tra cui il cigno di Apollo, una delle immagini preferite da Augusto. La loro simmetria simboleggia l'armonia della natura.
  • fascia a meandro
  • ingreso principale
  • Augusto - Fu il primo imperatore romano. Regnò dal 27 a.C. al 14 d.C. e pose le basi della Pax Romana (o pace romana).
  • podio a gradini
  • altare

Narrazione

Ara Pacis augustea

L'altare è stato chiamato come la pace augustea istituita da Augusto, il primo imperatore romano.
Fu commissionato dal Senato nel 13 a.C. e la costruzione fu completata nel 9 a.C. Il monumento celebra il ritorno di Augusto dalle sue campagne militari in Spagna e Gallia.
L'altare, dedicato alla dea della pace, Pax, si trovava nel Campo Marzio, non lontano dalla via Flaminia.

L'altare, fatto in marmo di Carrara, poggia su un podio circondato da un muro. Ci sono preziosi rilievi scolpiti sulla superficie interna ed esterna della parete. Sulla parte esterna della parete nord e del muro sud, dove non ci sono entrate, fregi processionali raffigurano preti, senatori e funzionari, nonché Augusto e gli altri membri della famiglia imperiale. Scene mitologiche decorano la parete che fiancheggia le porte.
I quattro pannelli principali presentano raffigurazioni di importanti figure legate alla città di Roma. Le parti inferiori della parte esterna del muro sono decorate con piante di acanto intagliate, la cui simmetria simboleggia l'armonia della natura. L'interno della parete è decorato con bucrani (teschi di bue) scolpiti, simboleggianti offerte sacrificali, e ghirlande intrecciate con frutta.

Dopo la caduta dell'Impero Romano, i sedimenti dal fiume Tevere hanno sepolto questo monumento, scolpito dagli artisti di maggior talento del periodo augusteo. I frammenti dell'altare sono stati trovati solo nel XVI secolo durante la costruzione di un palazzo.
I rilievi dell'altare sono andati in pezzi e sono finiti in molti luoghi diversi. Durante il periodo moderno, sono stati trovati sempre più pezzi. Infine, nel 1938 tutti i frammenti sono stati rinvenuti in scavi archeologici o in collezioni da varie parti del mondo e l'altare è stato ricostruito.
Oggi, l'Ara Pacis si trova non nella sua posizione originale, ma nel Museo dell'Ara Pacis, nei pressi del Mausoleo di Augusto.

Extra correlati

Antico senatore romano e sua moglie

I membri della classe sociale più alta della Roma antica indossavano toghe con bordi di colore viola.

Arco di Tito (Roma, I secolo)

L’arco venne costruito nell’ingresso del Foro Romano, per commemorare la vittoria dell’imperatore romano contra gli ebrei.

Circo Massimo (Roma)

L'antica arena romana divenne nota per le corse delle bighe che vi si disputavano.

Colosseo (Roma, I secolo)

L’anfiteatro più famoso e più bello di Roma fu costruito nel I secolo d. C.

La battaglia di Azio (31 a.C.)

In questa battaglia navale Ottaviano riportò una vittoria decisiva su Marco Antonio.

Pantheon (Roma, II secolo)

Il "tempio di tutti gli dèi" fu eretto durante il regno dell'imperatore romano Adriano.

Province e città dell'antica Roma

L'animazione presenta la storia dell'antica Roma attraverso i secoli.

Teatro di Pompeo (Roma, I secolo a.C.)

L'edificio commissionato da Gneo Pompeo Magno fu il primo teatro stabile in muratura della "Città eterna".

Terme di Caracalla (Roma, III secolo)

Il magnifico complesso termale dell'imperatore romano fu costruito nel III secolo d. C.

Meraviglie del mondo antico

L'unica delle sette meraviglie del mondo antico ancora esistente è la Grande Piramide di Giza.

Added to your cart.